Sfumato Yaya Touré, l’Inter si è consolata con Kondogbia: il francese però non è un ripiego, anzi, potrebbe essere perfino meglio dell’ivoriano. Ecco cinque motivi per cui l’ex Monaco è un acquisto migliore di quanto sarebbe stato il centrocampista del Manchester City.

1) ETA’ – Yaya Touré ha 32 anni, mentre Geoffrey Kondogbia ne ha solamente 22. Ben 10 anni ballano tra i due mediani: se il primo era un investimento per l’immediato, il secondo potrebbe essere, oltre ad un perno su cui fondare il presente, anche il pilastro del centrocampo nerazzurro per i prossimi 15 anni. Il francese è già un top mondiale, ma ha ancora davanti a sé moltissimi anni di carriera al top; l’ivoriano al contrario era fisiologicamente nella fase calante della carriera.

2) RUOLO – Touré è un giocatore più offensivo, non a caso infatti negli anni di Manchester è stato spesso schierato come trequartista. L’Inter invece aveva bisogno di un giocatore abile sì a impostare il gioco, ma in grado soprattutto di ergersi a diga davanti alla difesa: Kondogbia in questo caso potrebbe essere meglio del collega, in quanto fa del dinamismo e dei tackle due dei punti di forza del suo gioco.

3) “FAME” – Yaya Touré ha già vinto tanto, tantissimo: tra Olympiakos, Barcellona e Manchester City ha collezionato ben 14 titoli, quindi il rischio che l’ivoriano arrivasse in Italia “scarico” era molto alto. Al contrario Kondogbia ha ancora tutto da dimostrare: la bacheca a livello di club è ancora vuota, mentre la mente del giocatore è piena di ambizione e voglia di vincere. Il francese quindi potrà essere trascinatore di una squadra giovane e ambiziosa, che punta a riportare a Milano quei titoli che mancano ormai da 4 anni.

APPROFONDIMENTI  I 5 motivi per preferire Denis a Guidetti

4) COSTO OPERAZIONE – Le cifre che si facevano per Yaya Touré parlavano di un contratto quadriennale a 6 milioni all’anno (24 milioni totali), più 20 milioni da versare al Manchester City: il totale dell’operazione sarebbe stato quindi di 44 milioni; Kondogbia all’Inter percepirà un ingaggio di 3,5 milioni per i prossimi 5 anni (18 totali ) più una base fissa di 30 milioni da versare al Monaco: il totale dell’operazione è di 48 milioni, anche se tra bonus legati al cartellino e ingaggio a salire del giocatore la cifra potrebbe arrivare fino ai 55 milioni. I costi sono quindi molto simili, mentre l’età dei due calciatori ha uno scarto notevole. Inoltre l’Inter con Kondogbia potrebbe pensare di realizzare una plusvalenza tra qualche anno, mentre i soldi spesi per Touré sarebbero stati un investimento “a perdere”.

5) NAZIONALITA’ – Sembra un elemento ininfluente, ma in realtà è un dato da non sottovalutare. Yaya Touré è ivoriano e pertanto a scadenza biennale avrebbe avuto la Coppa d’Africa, che si disputa nel mese di gennaio: questa competizione è particolarmente stancante per i giocatori, che sono costretti a saltare il “richiamo” invernale di preparazione atletica e quindi subiscono un calo notevole nella seconda parte di stagione (indicativi sono stati i cali di rendimento di Doumbia e Gervinho nella Roma quest’anno). Kondogbia al contrario è francese, quindi i suoi impegni con la nazionale non influiranno sul rendimento stagionale del giocatore.

Sicuramente Yaya Touré era la prima scelta in quanto avrebbe rappresentato una certezza di livello mondiale nell’immediato, ma non siamo sicuri che acquistando Kondogbia l’Inter ci abbia perso così tanto…

Jacopo Gino

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.