Dopo la sonora batosta contro il Real Madrid, anche se pur sempre in un’amichevole, l’Inter cerca di lavorare per trovare la giusta combinazione tra concentrazione e gioco in previsione dell’inizio del campionato. Proprio ieri infatti è stato ufficializzato il calendario di Serie A con la prima giornata che vede i nerazzurri impegnati in casa contro l’Atalanta. Con l’arrivo di Jovetic l’Inter sembra aver ormai concluso il suo dovere sul mercato, salvo qualche piccolo inserimento last minute in rosa. Nelle ultime ore, è tornato di moda l’idea di prendere Felipe Melo dal Galatasaray e lui sembra entusiasta di tornare in Italia e giocare con la maglia nerazzurra. In quel ruolo però l’Inter può vantare un giocatore, cresciuto in casa, che corrisponde al nome di Assane Gnoukouri con caratteristiche pressoché simili al brasiliano. Perché preferire Melo a Gnokouri?

ESPERIENZA – Dati i 32 anni di età Melo ha alle spalle anni l’esperienza cercata da Mancini. Avendo anche militato nel campionato italiano, inoltre, sa bene come lavorare e come comportarsi in mezzo al centrocampo.

MATURITÀ TATTICA – A centrocampo ha sempre dato il meglio di se. Data la longevità in quel ruolo ha imparato a recuperare e gestire la palla tra i piedi dando una mano a far ripartire le azioni. Oltre a ciò, sa bene come posizionarsi in campo ed i movimenti da effettuare.

CATTIVERIA AGONISTICA – In campo ha sempre mostrato tutta la sua cattiveria agonistica riuscendo ad incutere timore all’avversario. Un po’troppo irruento nelle entrate (che a volte lo hanno portato a prendere diverse espulsioni) se preparato bene mentalmente può dare il massimo senza rischiare di superare il limite e lasciare in dieci la squadra.

APPROFONDIMENTI  5 motivi per fare lo scambio Juan Jesus-Ljajic

TECNICA – Il brasiliano dimostra di avere una buona capacità tecnica nonché una buona conclusione dalla distanza. L’ivoriano invece, nonostante la voglia di dimostrare, è ancora un po’ acerbo nei movimenti e forse necessiterebbe di qualcuno che lo seguisse almeno per i primi tempi, il tutto finalizzato in un’ottica futura relativa alla sua crescita.

AFFARE – Si parla di un buon affare perché Melo arriverebbe all’Inter con un prezzo modico e allo stesso garantirebbe maggior peso a centrocampo. Avendo ancora un po’ di anni buoni da giocare l’Inter potrebbe in questo modo sperimentare la possibilità di dare in prestito Gnoukouri (che sicuramente troverebbe poco spazio in squadra) per farlo crescere altrove e poi farlo tornare cresciuto tatticamente, mentalmente e di valore.
In linea generale sono due ottimi affari per l’Inter, sia l’arrivo di Melo sia la permanenza e la decisione di puntare su Gnoukouri. Passo dopo passo l’Inter sta tornando e nonostante le sconfitte di queste amichevoli (si parla di eventi di marketing per far soldi e che a livello mentale non contano nulla se non per far capire il livello fisico dei giocatori) quanto visto è abbastanza buono. Manca ancora un qualche tassello e poi il mosaico sarà completo. Con Melo si andrebbe sull’usato sicuro, conoscendo anche gli eventuali rischi legati al profilo comportamentale del giocatore; con Gnoukouri si parla di scommessa e vedremo quanto l’Inter e Mancini avranno voglia di rischiare.

Mario Giuliante
(@Mario_TheVoice)

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.