Nel novembre del 2014 la FIGC ha introdotto una novità per quanto riguarda le rose delle squadre di Serie A: a partire dalla stagione 2015/2016 dovranno essere composte da un numero massimo di 25 calciatori, di cui 4 formati in Italia e 4 nel vivaio del club per cui sono tesserati. Per potersi considerare “formato in Italia” il calciatore deve aver trascorso, tra i 15 e i 21 anni, almeno 3 stagioni sportive in uno o più club italiani; per essere “formato nel club” invece deve aver trascorso lo stesso periodo nella società di attuale appartenenza. Nel computo dei 25 calciatori non sono considerati gli under 21 alla data del 31 dicembre 2014, che quindi possono essere schierati in maniera libera. Per la sola stagione 2015/2016 non vi sarà differenza tra calciatori formati in Italia e formati nel club: l’importante sarà avere almeno 8 calciatori formati in Italia.

COME E’ MESSA L’INTER – I nerazzurri quindi dovranno avere una rosa limitata a 25 giocatori (esclusi gli under 21), di cui almeno 8 cresciuti in Italia: attualmente l’Inter ha in rosa ben 30 elementi, quindi un numero superiore al limite consentito. Pertanto Ausilio dovrà operare delle uscite per rientrare nelle imposizioni: andiamo ad analizzare nel dettaglio la situazione (in maiuscolo i giocatori che rispondono alle caratteristiche richieste, ndr).

ROSA ATTUALE – portieri: Handanovic, Carrizo, BERNI; difensori: Miranda, Murillo, Juan Jesus, RANOCCHIA, Vidic, ANDREOLLI, Montoya, D’AMBROSIO, Nagatomo, SANTON, Dodô, DIMARCO; centrocampisti: Kovacic, Brozovic, Kondogbia, Medel, Hernanes, GNOUKOURI, Guarin, Taider, Schelotto; attaccanti: ICARDI, Palacio, BIABIANY, LONGO, Shaqiri, PUSCAS

PROSSIMI ARRIVI – Mancini ha in mente altri 4 arrivi per completare la rosa: Jovetic è già a Milano, Perisic e Melo sono trattative avanzate che potrebbero avere un’accelerata nei prossimi giorni; inoltre il tecnico jesino vorebbe completare la difesa con un terzino sinistro (Masuaku in pole). Se tutti questi arrivi si concretizzassero la rosa salirebbe a 34 elementi. 9 giocatori quindi dovrebbero partire.

APPROFONDIMENTI  Balo-Nizza: rottura definitiva? Inter e Milan in attesa

QUASI “EX” – Di fatto sono già fuori dalla rosa Taider e Schelotto: l’algerino è andato in tournée con la squadra ma è in partenza, l’italo-argentino nelle prossime ore potrebbe già accasarsi in un altro club (interessamenti da Belgio e Inghilterra per il Galgo). In uscita ci sono anche Nagatomo, ad un passo dal Galatasaray, Shaqiri, direzione Schalke, e Puscas, che potrebbe andare in prestito per farsi le ossa. Con questi addii (ormai quasi certi), il numero della rosa scenderebbe a 29: è necessario quindi trovare ancora 4 elementi da cedere.

POSSIBILI CESSIONI – Innanzitutto si può tenere conto dei giocatori rimasti in rosa che a dicembre 2014 erano ancora under 21: in questa lista rientrano gli ex Primavera Gnoukoury e Dimarco, ma anche un pilastro come Kovacic. Questi elementi non sono da tenere in considerazione nel conteggio e quindi si possono sottrarre altri tre slots al conteggio, arrivando a 26 elementi. Considerando poi che l’Inter non giocherà competizioni internazionali, 6 difensori centrali potrebbero essere troppi. Uno tra Andreolli, Vidic e Juan Jesus potrebbe quindi partire: l’italiano, nonostante sia importante in quanto cresciuto in Italia, sembrerebbe il designato a lasciare Appiano Gentile, anche perché è il giocatore che ha più mercato. La sua presenza in rosa non sarebbe infatti necessaria, in quanto l’Inter avrebbe comunque altri 9 giocatori che rispondono alle caratteristiche richieste: Berni, Ranocchia, D’Ambrosio, Santon, Dimarco, Gnoukoury, Icardi, Biabiany e Longo.

IN CONCLUSIONE… – La rosa dell’Inter potrebbe quindi essere la seguente. Portieri: Handanovic, Carrizo, BERNI; difensori:  Miranda, Murillo, Juan Jesus, RANOCCHIA, Vidic, Montoya, D’AMBROSIO, Nagatomo, SANTON, Dodô, DIMARCO; centrocampisti: Kovacic, Brozovic, Kondogbia, Medel, Hernanes, GNOUKOURI, Guarin, Felipe Melo; attaccanti: ICARDI, Palacio, BIABIANY, LONGO, Jovetic, Perisic. 28 elementi, tra cui i “baby” Dimarco, Gnoukoury e Kovacic.

Jacopo Gino (@jacopogino)

share on:

2 Comments

    1. Gnoukouri probabilmente resterà: ha la fiducia di Mancini e ha dimostrato di essere un ottimo prospetto. Guarin andrà via solo se arriverà un’offerta intorno ai 10/12 milioni, altrimenti resterà partendo probabilmente dalla panchina

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.