Fredy Guarin è sulla lista dei partenti in casa Inter, come del resto capita da almeno 4 sessioni di mercato a questa parte. Il colombiano, nonostante le numerose chance a lui concesse da tutti gli allenatori che sono transitati sulla panchina nerazzurra, non è mai riuscito fino in fondo a convincere, e sembra che il tempo degli alibi sia definitivamente terminato. Se arrivasse l’offerta giusta difficilmente la società di Erick Thohir risponderebbe picche, e ci sono almeno 5 motivi per sostenere che farebbe bene.

5 MOTIVI PER CEDERE FREDY GUARIN

1) MORS TUA VITA MEA – La prima motivazione è anche la più ovvia. A centrocampo ballano in troppi, e almeno un paio di mediani dovranno fare posto nello spogliatoio. Vendere il Guaro eviterebbe altre cessioni ben più dolorose, nell’ottica di un necessario sfoltimento della rosa.

2) DISCONTINUITÀ – Arrivato all’Inter nel gennaio del 2012, Guarin non è mai riuscito ad inanellare una serie convincente di buone prestazioni. Con l’arrivo di Mancini (che lo ha schierato quasi sempre) le cose sembravano andare finalmente sulla buona strada, ma col passare delle giornate il rendimento dell’ex Porto è tornato a calare. Gli exploit di cui comunque è capace non bastano più, se si vuole tornare in alto.

3) ENIGMA TATTICO – Dando un’occhiata ad allenamenti e amichevoli, è palese come il mister stia orientando la sua squadra verso un 4-3-3 o un 4-2-3-1. In entrambi i casi, è palese come sia quantomeno difficile collocare tatticamente il centrocampista sudamericano. Troppo anarchico per fare da frangiflutti davanti alla difesa, troppo poco creativo per giostrare sulla trequarti. Guarin era l’uomo ideale per il centrocampo a rombo, messo però in naftalina dal tecnico marchigiano.

APPROFONDIMENTI  Chi ben comincia non è Montoya

4) FUNZIONALITÀ AL PROGETTO – Di rimando, quindi, appare chiaro come Guarin c’entri poco o nulla col progetto messo in piedi dall’Inter. Mancini e Thohir vorrebbero una squadra giovane, composta da uomini affamati e duttili tatticamente, tutte caratteristiche che poco hanno a vedere col nostro uomo. A centrocampo l’età media è bassissima, coi pretoriani Medel e Hernanes a fare da chioccia. Per Guarin, non c’è più spazio.

5) ULTIMA CHANCE – Tornando ad argomentazioni squisitamente economiche, appare chiaro come sia l’ultima occasione per cedere Guarin monetizzando il trasferimento. Un anno di panchina o tribuna svaluterebbe del tutto un giocatore ancora appetibile per qualche club di fascia medio-alta. Sono lontani i tempi dell’insurrezione popolare dovuta al suo possibile trasferimento alla Juve, e un’offerta – di qualsiasi tipo e da chiunque – sarebbe accolta volentieri dalla dirigenza interista.

Simone Viscardi

@simojack89

share on:

Leave a Response