Quantità e qualità al potere

Dopo l’acquisto per 38 milioni di euro del centrocampista Kondogbia, l’Internazionale di Mancini, è alla ricerca di un ulteriore centrocampista da inserire all’interno del proprio organico. I nomi più gettonati sono quelli di Felipe Melo (molto gradito a Mancini), Thiago Motta (per lui un ritorno dopo l’avventura parigina) e Giannelli Imbula. Un acquisto comunque, come dichiarato dalla dirigenza interista, che avverrà solamente dopo la cessione di uno dei pezzi di casa Inter. Su questo ultimo punto le scelte potrebbero riguardare Kovacic (accostato al Liverpool), Hernanes e Juan Jesus. Un Inter scatenata, che aspetta di incassare per poi reinvestire nuovamente sul mercato. Se di Felipe Melo e Thiago Motta conosciamo abbastanza bene le caratteristiche di gioco, dato anche i loro trascorsi in Italia (ed affidandoci alla regole dell’usato sicuro), perché l’Inter dovrebbe acquistare Imbula? Ecco alcuni spunti interessanti su cui riflettere:

GIOVANEE’ un classe ’92 ed i margini di crescita sono enormi. L’inter avrebbe modo di investire su di lui lasciandogli lo spazio necessario per lavorare bene e affermarsi entrando nei meccanismi di gioco di Roberto Mancini. Nel 2013 è stato premiato miglior calciatore della Ligue 2 francese.

TECNICAE’ un centrocampista tuttofare. Non è un regista puro, ma ha la capacità di tenere insieme la manovra tra difesa e attacco (e di questi tempi l’Inter ne ha bisogno). E’ un mancino come Kondogbia, con una buona prestanza fisica, una notevole efficacia nei contrasti nonchè precisione nei passaggi (che nell’ultima stagione ha sfiorato quasi la soglia del 90%). L’essere cresciuto nel settore giovanile del Racing e poi in quello del PSG gli hanno permesso di crescere tecnicamente; nel Marsiglia è maturato ancora di più, diventando una delle pedine fondamentali del gioco di Bielsa.

APPROFONDIMENTI  Abramovich-Thohir: Joint venture per Mohamed Salah

POSIZIONE IN CAMPO – Nell’ultima stagione in Francia ha giocato come mediano di sinistra a ridosso della trequarti, ma anche come centrocampista puro. Utilizzabile come distruttore del gioco avversario, può essere impiegato anche in difesa. Con Bielsa i suoi compiti principali erano quelli di recuperare il pallone e far ripartire le azioni velocemente. Le sue movenze ricordano quelle di un certo Patrick Viera. Insieme a Kondgobia Guarin e Medel, l’Inter ritroverebbe un centrocampo aggressivo e competitivo nonché con una maggiore qualità tecnica.

COSTO DELL’OPERAZIONE – Nonostante il suo valore di mercato si aggiri intorno ai 12 milioni di euro, il Marsiglia ne chiede almeno 22 più bonus contro i 18 offerti dall’Inter. Giustamente la cifra può sembrare alta, ma l’investimento potrebbe risultare ottimo date anche le aspettative sul giovane.

CURIOSITA’ – Il padre-agente del giocatore farebbe di tutto per vederlo con addosso la maglia interista. Di recente ha dichiarato: “Mio figlio accetterebbe volentieri di andare all’Inter per far resuscitare la squadra. La scelta del suo nome è legata alla mia passione per la Serie A”. Date queste premesse e questa breve analisi, Imbula potrebbe essere un buon colpo di mercato ed il popolo nerazzurro lo accoglierebbe a braccia aperte. Sicuramente si parla di un affare dal costo ingente rispetto a quello lowcost prefissato dai vertici nerazzuri, in particolare dopo l’arrivo di Kondgobia. Staremo a vedere nei prossimi giorni, soprattutto in chiave cessioni, dove l’Inter punta a portare in cassa un tesoretto da poter poi reinvestire sul mercato.

Mario Giuliante 

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.