Nagatomo per Felipe Melo? Meglio piuttosto cedere uno e non prendere l’altro. Siamo sinceri: il giapponese non è adatto al calcio a certi livelli (la media cross riusciti probabilmente non supera il 5% e anche in fase difensiva è decisamente rivedibile), mentre Felipe Melo, onestamente, all’Inter non serve proprio. Da un po’ di tempo si parla di un approdo del brasiliano ad Appiano Gentile, un approdo che, con l’inserimento di Nagatomo nell’affare, sembrerebbe a un passo dalla conclusione. Certo, liberarsi del giocatore del Sol Levante non sarebbe male, così saluteremmo anche il terzo Moschettiere della fascia dopo Jonny e Alvaro Pereira. Ma l’arrivo dal Galatasaray del mediano è una trattativa senza troppo senso. Ecco perché in 5 punti principali.

CENTROCAMPO AFFOLLATO. Kondogbia, Kovacic, Hernanes, Brozovic, Medel, Guarin, Taider e Gnoukouri. Questi gli attuali centrocampisti dell’Inter. 8 giocatori per 3 / 4 posti. Certo, se le alternative non fossero valide, ben venga un acquisto a centrocampo, ma Melo vale davvero come tutti questi giocatori? Oltretutto la posizione preferita dal brasiliano è quella di mediano, posizione in cui non solo c’è già Medel, ma nella quale è stato provato con successo Kovacic come regista. Melius abundare quam deficere, ma con raziocinio.

ETÀ. Se guardiamo poi all’anagrafe, Melo, che ha spento da un mese 32 candeline, non solo è già vecchiotto per investire su di lui, ma sarebbe anche il centrocampista più anziano. Certo, età uguale esperienza, anche se invecchiare la rosa non sempre si rivela profittevole per una squadra. Rimpolpare un reparto già così ricco con un acquisto non solo abbastanza inutile ma anche datato non sembra una mossa azzeccatissima.

APPROFONDIMENTI  Live Calciomercato Inter 20 luglio | Farfan sblocca Shaqiri, idee Perotti e Kehrer

MEGLIO MONETIZZARE. Liberarsi del giapponese si, ma a questo punto tanto vale fare cassa. Il giapponese, dopo un buon inizio, nell’ultima stagione ha deluso parecchio ed è stato accantonato da Mancini. Su di lui ci sarebbero diverse offerte. Offerte che andrebbero prese molto più in considerazione piuttosto che uno scambio con Melo.

INSTABILITÀ MENTALE. Felipe Melo è un cavallo pazzo, le sue scorribande calcistiche sono ben note: un’infinità di cartellini gialli, espulsioni frequenti e risse in campo. Viste le 30 primavere superate da un po’, si potrebbe pensare che il brasiliano si si calmato, ma si sa: il lupo perde il pelo ma non il vizio.

EX JUVE. Se vogliamo poi buttarla sull’orgoglio, Melo ha vestito due anni la casacca bianconera, acquistato a 25 milioni di euro dal club di Torino che lo ha poi scaricato. Qui i discorsi sono due: uno, i dirigenti bianconeri difficilmente ci vedono male e se han lasciato andar via il brasiliano, un motivo ci sarà; due, i giocatori con trascorsi in quelle fila, ai tifosi più fedeli non piacciono troppo.

Federico Gianquintieri

share on:

Leave a Response