In difesa l’Inter, dopo gli acquisti di Miranda e Murillo, sta provando a trovare con Mancini l’amalgama che permetta di creare una linea difensiva di buon livello. Nelle ultime uscite il reparto difensivo non ha brillato collettivamente, ma sotto l’aspetto del singolo abbiamo si sono viste buone cose, in particolare con Murillo, il neo arrivato. Prima della fine del mercato, sicuramente l’Inter piazzerà un altro colpo in questo reparto, specie sulla fascia di sinistra dove nelle ultime ore si sta intensificando la ricerca del profilo adatto ad occupare quella zona di campo. Questi movimenti però stanno allontanando dalla squadra e stanno portando ad una sua eventuale partenza Juan Jesus, mai messo in discussione negli anni passati, ma dato come possibile partente in questa stagione. E’ giusto venderlo? E soprattutto perché?

1) SCARSA AFFIDABILITA’ – Negli ultimi tempi Juan Jesus ha perso quella affidabilità intravista sin dai primi momenti in nerazzurro. Apparso sempre come un giocatore carico di agonismo e voglia di fare, in difesa riusciva a dare il meglio di se con buone prestazioni che lasciavano intravedere una crescita continua. In questa stagione invece si è notata una regressione tale da renderlo inefficace sia come difensore centrale nonché come terzino sinistro.

2) MANCANZA DI TECNICA – Non dotato sicuramente di pieni buoni né di facilità nel dribbling, le armi sulle quali puntare sono sicuramente la corsa e la prestanza fisica. Non lucidissimo sugli anticipi, spesso e volentieri ha trovato difficoltà nell’uno contro uno portandolo al fallo. In difesa ciò non è concepibile soprattutto se sei l’ultimo baluardo prima del portiere.

APPROFONDIMENTI  Bye Bye Fredy, 5 motivi per cedere Guarin

3) PRESTAZIONI ALTALENANTI – Juan nasce come difensore centrale con possibilità di essere adattato a terzino sinistro. Sia nel primo che nel secondo caso ha mostrato molte cose buone (andate perse nel tempo) durante i primi periodi all’Inter.

4) BUON VALORE DI MERCATO – Il sito transfermakt lo valuta 11 milioni di euro e quindi il suo valore economico ha ancora una certa rilevanza. Inoltre, nelle ultime ore, è stato addirittura accostato al Napoli come contropartita tecnica nell’operazione che porterebbe Callejon a Milano.

5) VITTIMA SACRIFICALE – Poiché l’Inter, dopo le tante entrate ha bisogno di iniziare a cedere qualche giocatore, la sua permanenza non è poi così indispensabile. Soprattutto nel reparto difensivo, dove la concorrenza abbonda, vederlo titolare non è assolutamente una certezza. Meglio cederlo ora con la possibilità di monetizzare anziché aspettare del tempo e non ricavare nulla.

Mario Giuliante (@Mario_TheVoice)

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.