Continua il lavoro dei dirigenti nerazzurri per regalare uomini di punta al tecnico Roberto Mancini in vista della prossima stagione. Numerosi gli arrivi pescati dal cilindro da parte dei dirigenti dell’Inter. Nomi illustri, che faranno peso e diranno la loro in campo. La ciliegina sulla torta però manca, tarda ad arrivare. Parliamo di Ivan Perišić, calciatore croato, centrocampista del Wolfsburg e della nazionale maggiore. Il suo approdo a Milano è ancora distante, manca l’accordo economico definitivo. E se non dovesse arrivare entro fine agosto?

I  PIANI DELL’INTER QUALORA PERISIC NON ARRIVASSE:

1) PER IL SOSTITUTO SI LAVORA IN ITALIA: Proprio così. Se non dovesse arrivare Ivan Perišić ecco che il sostituto ideale sarebbe Diego Perotti del Genoa. Classe 1988, l’argentino di origini italiane possiede le qualità che chiede Roberto Mancini. Quattro reti e 24 presenze con la maglia del Grifone in questa stagione. Numeri niente male per il ragazzo cresciuto nel Siviglia. Si aspettano solo le richieste del club di Preziosi.

2) FACCIAMO UN GIRO ANCHE IN INGHILTERRA: Quasi sfumato l’affare per portare a Milano l’egiziano Salah, ecco che l’Inter non ha dimenticato un certo Cuadrado. Il Chelsea, ma soprattutto Mourinho, non ha dimenticato la sua ex squadra, e proprio dalle sue mani potrebbe passare un regalo per il club nerazzurro. L’esterno ex Fiorentina piace e tanto, ma occhio al prezzo del cartellino e dell’ingaggio.

APPROFONDIMENTI  I 5 mediani più forti della storia dell'Inter

3) UN OCCHIO ALLA CAPITALE: Perchè non azzardare Gervinho della Roma. Il calciatore ivoriano è un attaccante di sfondamento sulla fascia. Un missile, anche se in questa stagione il suo apporto è stato minimo. Il prezzo non è alto, ma il calciatore non è un ragazzo che si accontenta. Lo stipendio lo pretende alto, senza nessuno sconto.

4) DAL SUD AL NORD: Da Napoli a Milano, questo potrebbe essere il prossimo viaggio di Mertens, esterno d’attacco belga che molto piace all’ambiente interista. Tra i nomi che circolano, forse il suo è il meno costoso, ma il Napoli e soprattutto De Laurentiis non lo lasceranno partire, a meno di qualche contropartita tecnica di rilievo.

5) ANCORA INGHILTERRA, ANCORA LAMELA: Non sarà un frutto avvelenato, anzi. L’argentino Lamela è un fenomeno, esploso alla Roma due stagioni fa e in crisi di risultati al Tottenham. Il ragazzo ha voglia di riscatto, in Inghilterra non ha futuro. In Italia ritornerebbe anche a nuoto.

Maurizio Saladino

share on:

Leave a Response