L’Inter è alla quinta amichevole pre-stagionale dopo quelle prima e dopo la tournè estiva in Cina. Il Mancio, dopo aver provato con il 3-5-2, ritorna al modulo più collaudato del 4-3-1-2. Un’amichevole, dunque, che dovrà convincere tutti, anche gli stessi giocatori.

LE FORMAZIONI – L’Inter, per la prima frazione di gioco, parte con: Handanovic, Santon, Miranda, Murillo, Juan Jesus, Guarin, Medel, Gnoukouri, Brozovic, Jovetic, Icardi. Nella formazione iniziale era presente anche il nome di Mateo Kovacic, sostituito all’ultimo per un infortunio. La formazione avversaria, che gioca con il 4-2-3-1, schiera: Iraizoz, Boveda, Etxeita, Aurtenetxe, Gurpegui, Undabarrena, Elustondo, Ibai, Unai Lopez, Lekue, Guillermo. 

PRIMO TEMPO – Parte bene l’Inter di Mancini con il possesso palla tenuto a proprio favore. Già dai primi istanti di gioco si capisce che il sostituto di Kovacic è Guarin, con Brozovic che si posiziona come mezzala destra. Al 7° minuto un fallo su Icardi procura un calcio di punizione che viene battuto da Jovetic, ma che non trova lo specchio della porta. All’ 8° minuto, un’ottima difesa di Murillo che contrasta Guillermo, partito in contropiede verso la porta difesa da Samir Handanovic. Al 14° minuto ancora insuperabile Murillo che ferma l’azione dell’Atletico Bilbao. Due minuti dopo grande chance per l’Inter con Jovetic e Icardi che tentano di violare la porta di Iraizoz, ma vengono fermati il primo dal portiere basco, il secondo dal palo. Al 24° minuto ancora protagonista Murillo, ma il vero prodigio dell’Inter è l’azione che segue al 27° minuto: Jovetic sfrutta un cross dalla sinistra di Gnoukouri e di prima la piazza alla sinistra del portiere: 1 a 0 Inter e primo gol di Jovetic in nerazzurro.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa, dopo svariati cambi da entrambe le parti, al 51° minuto i baschi si producono nella loro prima vera azione pericolosa: colpo di testa di Guillermo salvato da Palacio, entrato al posto di Guarin. La partita procede fino al minuto 74° quando l’Inter si propone in avanti con una serie di azioni pericolose: il primo a provarci è Brozovic, su assist di Icardi, ma il suo tiro si spegne sul fondo; poi ci prova Gnoukouri dal limite dell’area, anche qui un nulla di fatto; la terza chance è di Ranocchia, entrato al posto di Santon, che tenta di metterla dentro con un colpo di testa, parato da Iraizoz. All’83° minuto pericolo Sabin per l’Inter, perso da Ranocchia durante l’azione; l’azione prosegue ma il basco tira fuori. Appena un minuto più tardi ecco la rete del 2 a 0 dell’Inter: cross di Nagatomo per Icardi che supera un difensore e il portiere e insacca la palla in rete. La partita termina 2-0 per l’Inter che nei minuti finali riesce a mantenere distanti gli attaccanti dalla propria porta.

APPROFONDIMENTI  5 motivi per prendere Gabbiadini

La prima partita estiva internazionale vinta dall’Inter. Il cambio modulo premia Mancini che evidenzia i punti di forza difensivi con l’arrivo di Murillo e Miranda.

Martina del Mercato

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.