Dopo l’arrivo del montenegrino Jovetic, ottimo acquisto per la fascia offensiva d’attacco, l’Inter cerca ancora un esterno d’attacco: il nome caldo è da tempo quello di Perisic del Wolfsburg, ma se si potesse presentare un’occasione meno costosa certamente Ausilio non se la farebbe scappare. L’occasione di cui stiamo parlando c’è e si chiama Keita della Lazio. L’affare è di quelli che capitano una volta ogni tanto, questo per diversi aspetti. Il giovane attaccante classe 1995 è un colpo da non lasciarsi perdere, questo per diversi motivi, anzi:

5 MOTIVI PER PRENDERE KEITA DALLA LAZIO:

1) ANAGRAFE – Il giovanissimo attaccante biancoceleste è per molti aspetti un colpo sia per il presente che per il futuro. Il ragazzo ha soli 20 anni visto che è nato nel 1995. Un elemento di non poco conto, visto che la carriera del calciatore deve ancora sbocciare appieno, nonostante abbia già dimostrato ottime cose in serie A.

2) STIPENDIO – Keita, nonostante il talento e la futura esplosione che ne consacrerà la carriera, guadagna solo 500.000 euro, una cifra davvero bassa per un ragazzo con un potenziale che presto salirà esponenzialmente. Secondo elemento da non sottovalutare, da tenere fortemente in considerazione.

3) FRIZIONI CON LA LAZIO – Se l’Inter ed i suoi dirigenti dovessero presentare un’offerta alla Lazio per l’acquisto del calciatore ecco che troverebbero il benestare dello stesso. Il ragazzo non ha più voglia di giocare con la maglia biancoceleste. C’è davvero poco spazio tra le gerarchie di mister Stefano Pioli, che preferisce altri calciatori titolari a lui. Il si del calciatore c’è già virtualmente.

APPROFONDIMENTI  7 motivi per riscattare Alex Telles

4) ESPERIENZA IN SERIE A – Keita, nonostante la giovane età, è già alla terza stagione tra le fila della Lazio. In tre anni il ragazzo ha imparato a lavorare di squadra, ma soprattutto a conoscere il campionato italiano, di certo difficilissimo.

5) FISICO – Ben 181 cm di altezza per muscoli al quadrato. Un passo straordinario in campo, con lunghe leve che potrebbero fare la differenza in campo nella prossima stagione.

Maurizio Saladino

share on:

Leave a Response