In questo caldo periodo di calciomercato tra il vendere e comprare passa un filo sottilissimo, capace di far pendere l’ago della bilancia verso due direzioni. Un acquisto spettacolare ed inviabile a tutti oppure un flop totale che non rimarrà in nessun almanacco della storia del calcio. In casa Inter, dopo i numerosi acquisti in tutti i reparti di gioco è arrivato il momento di vendere. Il dilemma che sta investendo in questo momento l’ambiente dirigenziale nerazzurro è uno solo: chi vendere tra Ranocchia e Juan Jesus?

5 MOTIVI PER TENERE JUAN JESUS E VENDERE RANOCCHIA.

1)  LARGO AI GIOVANI – Andrea Ranocchia è nato nel lontano 1988. Se paragoniamo la classe  dei due calciatori notiamo immediatamente come Juan Jesus dal punto di vista anagrafico sia più giovane rispetto al compagno di squadra. Per lui classe 1991, ben tre anni di differenza.

2) GUARDIAMO AL PORTAFOGLI – Andrea Ranocchia ha uno stipendio nettamente superiore rispetto a quello di Juan Jesus. Se l’Inter dovesse decidere di cedere il calciatore italiano di certo ci sarebbe un guadagno anche dal punto di vista del bilancio.

3) LEADERSHIP – Nonostante Andrea Ranocchia sia all’Inter da diverse stagioni, ancora le sue doti da leader non sono venute fuori. Magari Juan Jesus, se lasciato lavorare troverebbe quello spunto per elevarsi a leader del gruppo, tra diversi anni.

APPROFONDIMENTI  Inter-Atalanta in dieci tweet

4) OPINIONE DEI TIFOSI – Se andiamo a scrutare all’interno delle volontà delle tifoserie, ecco che Andrea Ranocchia non è mai entrato effettivamente dentro il cuore dei tifosi, anzi. Di certo non verserebbero lacrime di dolore vedendolo partire.

5) ALLERGIA AL MADE IN ITALY – Andrea Ranocchia, oltre ad essere difensore della squadra di Roberto Mancini, è  anche il difensore della nazionale maggiore. All’interno della squadra interista c’è poco spazio per calciatori di tale nazionalità, meglio se residente in un altro stato.

Maurizio Saladino

share on:

Leave a Response