Che il passaggio di Mateo Kovačić al Real Madrid sia argomento di discussione di questi giorni è un dato di fatto. Molti si chiedono chi veramente farà l’affare della vita, se l‘Inter intascando una cifra di 35 milioni id euro, oppure il Real Madrid che acquista un calciatore che tra qualche anno ne potrebbe valere il doppio. Il futuro del giovane calciatore croato è già scritto, diventerà un nuovo talento a livello mondiale. C’è più di un motivo per cui l’Inter commetterà un errore a cederlo, anzi 5.

5 MOTIVI PER CUI LA CESSIONE DI KOVACIC E’ UN ERRORE:

1) ETERNA GIOVINEZZAMateo Kovačić, brillante centrocampista della nazionale croata, è un classe 1994. La sua carta di identità parla chiaro, se vale oggi a 21 anni 35 milioni di euro, figuriamoci tra 5 anni.

2) LA CLASSE NON E’ ACQUA: Il giovane ragazzo croato è un talento destinato ad esplodere nel giro di 2-3 anni. La sua classe sarà conosciuta a livello mondiale, per questo motivo è un grave errore cederlo adesso.

3) PROBLEMI DI MODULO: Mateo Kovačić non è riuscito ad esplodere a Milano, sponda Inter, a causa di un modulo adottato da vari allenatori che non gli ha permesso di esprimersi al meglio. Se gli fosse stata data l’opportunità giusta, ma soprattutto il modulo giusto, allora sì che la differenza si sarebbe vista.

APPROFONDIMENTI  5 Motivi Per Cui L'Inter (Al Momento) È Più Forte Del Milan

4) FUTURO CAPITANO: La grinta espressa in campo in questi anni all’Inter, in un campionato davvero difficile, ha dimostrato le doti da leader che si porta dentro questo ragazzo. Figuriamo in Spagna, a giocare in un campionato in cui le difese danno maggiore libertà a calciatori offensivi.

5) PALLONE D’ORO: In un futuro non troppo lontano Mateo Kovačić potrebbe, utilizziamo il condizionale, diventare un calciatore talmente forte da meritarsi l’ambito premio del pallone d’oro. Forse proponiamo un tema davvero forte, ma mai dire mai nella vita.

Maurizio Saladino

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.