Ceduti in rapida successione Shaqiri e Kovacic, l’Inter ha bisogno di un’immediata dose di fantasia per ridare slancio alle proprie ambizioni europee. Secondo le ultime indiscrezioni, i nerazzurri starebbero pensando a piazzare il doppio colpo Perisic-Perotti, per consentire a Mancini di avere un parco attaccanti (che al momento conta solamente Icardi, Palacio e Jovetic) completo e duttile.

REQUISITI FONDAMENTALI – Inutile illudere i lettori: i soldi che arriveranno dalla cessione di Kovacic non saranno interamente investiti sul mercato. Non lasciatevi quindi abbindolare dai nomi di Nasri, Gundogan o chi per essi, le idee dei nerazzurri sono sempre le stesse. Per Perisic si cercherà di convincere il Wolfsburg con la formula di un prestito molto oneroso (5/6 milioni?) con obbligo di riscatto dopo 12 mesi; per Perotti l’obiettivo è quello di strappare il sì a Preziosi per un prestito biennale con obbligo di riscatto nel 2017: operazione complicata (vista anche la situazione finanziaria del Genoa), ma i buoni rapporti tra Inter e Genoa potrebbero facilitare l’affare.

PAZZA IDEA 4-2-3-1? – Se entrambi gli esterni dovessero arrivare a Milano, Mancini potrebbe pensare seriamente al 4-2-3-1 come modulo base: Ceduto Kovacic il centrocampo sarebbe interamente muscolare, con Kondogbia-Medel titolari a fare diga per difendere la difesa. Sulla trequarti potrebbe scatenarsi la fantasia, con Jovetic trequartista, Perotti a sinistra e Perisic a destra. Attaccante centrale ovviamente Mauro Icardi, con Palacio e Manaj pronti a subentrare dalla panchina.

APPROFONDIMENTI  L'Inter è al livello della Roma? Parola alla difesa

DOLCI RICORDI – Se la storia recente dell’Inter insegna che il 4-3-3 non è un modulo fortunato, il 4-2-3-1 risuona come musica per le orecchie di tutti i tifosi nerazzurri. Con questo schema la Beneamata si è issata sul tetto d’Europa e del mondo, raggiungendo l’apice della propria storia: il livello della squadra attuale non è certamente paragonabile con quello di quella fantastica formazione, ma tentare la rinascita con questo modulo non può che essere beneaugurante.

Jacopo Gino (@jacopogino)

share on:

Leave a Response