Dopo #SaveKovacic il popolo interista è pronto a lanciare un altro hashtag. Da ieri #SaveSanton è il motto di tutti quelli che non vogliono veder depauperato il patrimonio – italiano – di gioventù a disposizione del Mancio. Il reparto degli esterni bassi è quello che più di ogni altro rappresenta un rebus per gli addetti di mercato dell’Inter, ma fatto certo che di quelli in rosa il solo D’Ambrosio sembra avere la certezza di rimanere, fino a poche ore fa pareva potesse essere Yuto Nagatomo l’indiziato numero 1 a liberare uno slot per un eventuale nuovo acquisto. Il giapponese ha estimatori in Germania e in Inghilterra, ma proprio dalla Premier – con scalo ad Udine – è arrivata voce dell’offerta da 8 milioni del Watford (di proprietà della famiglia Pozzo) per Davide Santon.

AL POSTO DI CHI? – Davide è tornato all’ovile nerazzurro solo a gennaio, dopo l’esperienza al Newcastle, e ha decisamente fatto bene in questi 6 mesi da “nuovo interista”. Certo, i soldi inglesi farebbero comodo, ma su chi sarebbero investiti? Su Zukanovic – terzino clivense a lungo inseguito da Ausilio – c’è da registrare l’inserimento dell’Atalanta, mentre secondo quanto riportato in esclusiva dalla redazione mercato di Sportcafe24 apparirebbe ad un passo l’ingaggio di Martìn Montoya, prodotto della cantera del Barcellona.

APPROFONDIMENTI  LIVE Mercato 21 agosto - Rilancio per Perisic, D'Ambrosio vicino all'OM

PIATTI SBILANCIATI – Lo spagnolo è un classe 1991, come Santon, e da anni viene indicato come possibile Craque nel ruolo di terzino destro. A dir la verità sin qui le promesse non sono state mantenute fino in fondo, dato che i blaugrana non hanno mai fatto pensare di puntare con decisione su di lui. Riserva di Dani Alves fino ad oggi, possibile riserva di Alexis Vidal in futuro, Montoya non è sicuramente il giocatore capace di far volare la fascia di Mancini, rinverdendo i fasti di Maicon. Contando che i soldi ricavati dalla cessione di Santon verrebbero quasi totalmente investiti su di lui, viene spontaneo chiedersi se valga la pena mettere in piedi tutta questa operazione. Con D’Ambrosio e Santon l’Inter avrebbe una batteria di terzini italiana, affidabile e completa nelle due fasi, e risparmierebbe denari per altri colpi necessari, come ad esempio un vice-Icardi.

Che la premiata ditta Fassone/Ausilio ascolti la voce dei tifosi, e che God Save Santon.

Simone Viscardi

@simojack89

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.