Ultimi giorni di mercato in casa Inter e ancora tanti buchi da riempire per completare la rosa. Tra le lacune più evidenti nella squadra nerazzurra salta all’occhio l’assenza di un terzino sinistro vero e proprio:  l’unico difensore mancino attualmente in rosa è infatti Juan Jesus, non certo un terzino naturale. Sono stati molti i nomi di terzini sinistri associati all’Inter nelle ultime settimane: Coentrao (passato da poche ore al Monaco), Criscito (le richieste dello Zenit Sanpietroburgo sono troppo alte), Siqueira.

STEFANO SABELLI, PROFILO GIOCATORE – Uno degli ultimi nomi usciti è quello di Stefano Sabelli, terzino del Bari classe ’93. Il suo ruolo naturale è quello di terzino destro ma si adatta facilmente a giocare anche sull’altra fascia. Il Bari è l’unica squadra con cui ha giocato in prima squadra: in precedenza infatti aveva fatto tutta la trafila nel settore giovanile della Roma, in cui è stato allenato, tra gli altri, anche da Andrea Stramaccioni. Il 25 agosto 2012 ha esordito in Serie B e, ovviamente, non ha ancora calcato il palcoscenico della Serie A. La domanda sorge ora spontanea: è un giocatore da Inter?

SABELLI CHI? ABBIAMO BIRAGHI – In prospettiva futura, forse. Per l’immediato rappresenterebbe una scelta un po’ azzardata, quasi una scommessa. Visto e considerato che all’Inter, in questo momento, serve un terzino pronto a giocare da titolare in una squadra che punta a traguardi importanti. E, soprattutto, lascia perplessi il continuo disinteresse verso i giovani cresciuti nella Primavera e puntualmente ceduti, mandati in prestito per anni o fatti cadere nel dimenticatoio. Tra questi c’è sicuramente Biraghi, terzino sinistro classe ’92 appena ceduto in prestito al Granada. Fino ad ora Biraghi ha cambiato moltissime squadre: Juve Stabia, Cittadella, Catania e Chievo dal 2010 ad oggi, oltre a qualche tourneè estiva con la maglia nerazzurra. Nella giornata di ieri è stato girato nuovamente in prestito, questa volta all’estero, al Granada appunto.

APPROFONDIMENTI  ESCLUSIVA - Perisic si complica, il piano B è Perotti

IN CONCLUSIONE – Confrontando le carriere, seppur brevi, di Sabelli e Biraghi, le conlusioni immediate sono le seguenti: Baselli ha giocato solo in Serie B e in una sola squadra, il Bari; Biraghi ha più esperienza, si è spesso allenato con la prima squadra all’Inter ed ha anche esordito in Champions League, il 24 novembre 2010 nell’1-0 contro il Twente. Inoltre, mentre Sabelli sarebbe l’ennesimo terzino destro adattato a sinistra (come, in passato, Nagatomo e Santon), Biraghi è un terzino sinistro di ruolo.

Biraghi oramai non è più disponibile nella rosa nerazzurra, ma è chiaro che un eventuale acquisto di Sabelli desterebbe non poche perplessità.

Francesco Sessa (@FrancescoSessa_)

share on:

Leave a Response