Non è nei piani di Mancini, ma esiste un’opzione d’emergenza per disegnare la nuova Inter: la difesa a tre. Voluta fortemente da Gasperini, sognata e applicata malamente da Mazzarri ed accantonata dopo un respiro da Mancini, la rosa a disposizione del tecnico jesino presenta tutti i presupposti per metterla in campo. Non mancherebbero gli aspetti positivi.

VALORIZZAZIONE DEGLI ESUBERI – Prima questione: tutti i terzini di Mancini, ad eccezione di Santon e Juan Jesus, esprimono al meglio le proprie caratteristiche nella fase offensiva. D’Ambrosio e Nagatomo fecero le fortune di Ventura e Mazzarri nei rispettivi 3-5-2, mentre Montoya e Telles, seppure abituati a giocare in una difesa a quattro, fanno degli inserimenti nella metà campo avversaria un marchio di fabbrica. Discorso a parte per Dodò: il brasiliano è impresentabile in un quartetto difensivo. La difesa a tre permetterebbe inoltre l’impiego contemporaneo di Medel e Melo. Il cileno gioca abitualmente in Nazionale come mezzo destro, mentre Melo sarebbe lo schermo ideale per dare supporto alla difesa e permettere a quest’ultima di alzare il proprio baricentro, sopratutto con Miranda.

IL TODOCAMPISTA, L’ARTISTA ED IL FINALIZZATORE – Seconda questione: Kondogbia, maggiormente svincolato da oneri difensivi, potrebbe esprimersi al meglio in un ruolo affine a quello ricoperto da Pogba alla Juventus. Le qualità per interpretare il copione del todocampista non gli mancano. In una mediana a cinque, il francese sarebbe il fulcro del gioco interista. Del nuovo atteggiamento tattico beneficerebbero anche uno tra Jovetic e Ljajic, liberi di svariare su tutta la trequarti avversaria, mentre Perisic potrebbe essere impiegato in più modi: da ala pura (ipotesi non improbabile, il croato nasce terzino), oppure da seconda punta. E Icardi? Il torero argentino avrebbe a disposizione una quantità maggiore di cross dalle fasce, oltre agli assist della seconda punta. Il gioco offensivo dell’Inter sarebbe imprevedibile, senza punti di riferimento fissi.

APPROFONDIMENTI  Kondogbia all'Inter, una beffa per... Brozovic e Kovacic

LA LEGGE DEL CAMALEONTE – Nel calcio di oggi è indispensabile proporre più varianti tattiche. Lo insegna la Juventus finalista di Champions nella scorsa stagione ed il Bayern di Guardiola, una tra le squadre più camaleontiche d’Europa. La difesa a tre sarebbe una quinta scelta (dopo il 4-3-3, il 4-3-1-2, il 4-3-2-1 ed il 4-2-3-1), ma non è da scartare a priori. Sorprendere l’avversario di turno attraverso la rievocazione evoluta del credo mazzarriano potrebbe togliere qualche castagna dal fuoco a Mancini. Perché non lavorarci sopra?

Antonio Casu 

@antoniocasu_

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.