E’ finita 1-1 l’interessante sfida tra Sampdoria e Inter andata in scena a Marassi. Dopo un primo tempo combattuto e ricco di occasioni da una parte e dall’altra, al ‘6 minuto della ripresa la Samp passa in vantaggio grazie ad un tocco sotto porta di Luis Muriel. L’Inter comincia a macinare gioco e a schiacciare la Samp al punto da trovare, ad un quarto d’ora dalla fine, il gol con Perisic che fissa il punteggio sull’1-1, nonostante i tentativi da parte dei nerazzurri nel finale di vincere la partita. Di seguito le pagelle:

Handanovic: 6,5 – La copia brutta del portiere sloveno vista contro la Fiorentina fortunatamente per l’Inter è rimasta ad Appiano Gentile. Le ottime parate nel primo tempo che fermano i dirompenti attacchi della Sampdoria e qualche buona uscita dimostrano tutto il talento dell’ex Udinese, che poco o nulla poteva fare sul gol di Muriel. Resta un mistero il suo andamento sempre così altalenante.

Santon: 6 – Partita come al solito buona dell’ex Bambino che spinge quando c’è da spingere ma senza creare troppo scompiglio nella retroguardia blucerchiata. In fase difensiva dimostra ancora qualche lacuna, ma non è affatto una novità e comunque non sembra mai dare l’impressione di mollare. Qualche cross dal fondo di troppo a cui Santon ha rinunciato anche nella fase finale dalla partita, quando magari mettere la palla in mezzo per le numerose punte in campo sarebbe stata la scelta più giusta. (dal 44 s.t Ljajic: s.v.)

Medel: 6 – Un Pitbull ovunque lo si metta in campo. Ancora una volta schierato in difesa per sopperire all’assenza di Miranda, Medel sembra a suo agio in un reparto che apparentemente non dovrebbe essere il suo. Spesso giganteggia di testa pur non avendo i centimetri dalla sua e fa un paio di recuperi che salvano la porta di Handanovic. Sul gol della Sampdoria però sembra fuori posizione e si fa sfuggire Muriel alle spalle.

Murillo: 6.5 – Altra grande partita del colombiano che sta diventando partita dopo partita il leader del reparto arretrato. Grande presenza fisica, ottima posizione, perfetto tempismo negli interventi: fino ad ora, uno dei migliori acquisiti della campagna acquisti estiva.

Telles: 6Dr Alex e Mr.Telles. Ad una fase offensiva sempre propositiva ed efficace il brasiliano ex Galatasaray non abbina infatti un’attenta fase difensiva, in cui spesso si fa sfuggire l’uomo alle spalle. Certo, “è brasiliano”. Ma errori del genere alla lunga si pagano. Nei pressi dell’area avversaria, invece, si fa trovare sempre pronto e con il suo piede molto educato riempe gli attaccanti di palloni molto invitanti che mettono in crisi la difesa doriana. Se riuscirà a migliorare senza palla, potrà essere un’ottima sorpresa.

Guarin: 5,5 – Quando vuole e può domina in mezzo al campo grazie al suo strapotere fisico, che però spesso rimane fine a sè stesso. Qualche scelta sbagliata con la palla tra i piedi ed un clamoroso errore sottoporta che fa infuriare Mancini e i tifosi nerazzurri.

Melo: 6 – Partita più pulita e ordinata rispetto alle ultime uscite. Il suo apporto in fase di non possesso è sempre fondamentale, anche se spesso sembra far fatica a rincorrere l’avversario. Buona impostazione con qualche ottimo lancio per gli esterni, anche se in un paio di circostanze si addormenta e ragala il contropiede agli avversari. La stanchezza sembra iniziare a farsi sentire.

APPROFONDIMENTI  Pioli resta, l'Inter ha un futuro oltre al presente: finalmente

Kondogbia: 6 – Il potenziale talento del francese non è ancora esploso. Alcuni miglioramenti però si iniziano ad intravedere: qualche buon recupero di palla e qualche numero nello stretto che spezza la marcatura dei giocatori della Samp. L’impressione è che comunque quei 30 milioni + bonus continuino a pesare come un macigno sull’ex Monaco e sull’opionione pubblica. (da 18′ s.t. Biabiany: 5,5 – Entra in campo subito propositivo e crea qualche scompiglio alla difesa avversaria, anche se non è incisivo e perde qualche pallone di troppo. Vicino al gol con un colpo di testa centrale neutralizzato da Viviano)

Perisic: 7– Finalmente. Non ce ne voglia Mancini, ma l’impressione è che nel suo ruolo naturale sia un altro giocatore. Nel primo tempo si vede poco ma è prezioso con qualche rientro decisivo sui contropiedi avversari; nella ripresa, soprattutto da quando si allarga stabilmente sulla sinistra, è il fulcro dell’attacco nerazzurro e crea pericoli con i cross dal fondo di sinistro, rientrando sul destro e nel gioco aereo. Il gol è solo la ciliegina.

Icardi: 5,5 – Partita da 4,5/5 che viene “salvata” dall’assist inventato per Perisic in occasione del pareggio nerazzurro. Troppo nascosto tra le maglie blucerchiate, non riesce a partecipare con continuità alla manovra offensiva dei suo compagni e spesso sembra un pesce fuor d’acqua. Nella ripresa sembra più ispirato e, oltre all’assist, fornisce qualche buona sponda agli esterni offensivi.

Palacio: 6 – E’ vero, non è più il giocatore delle passate stagioni, ma è difficile criticare un giocatore del genere. Sempre generoso e sempre pronto a sacrificarsi per la squadra, è anche pericoloso in zona gol, dove impensierisce Viviano nel primo tempo con un tiro insidioso e mette in crisi la retroguardia doriana con alcune progressioni molto interessanti palla al piede. L’incarnazione dell’attaccamento alla maglia. (dal 26′ s.t. Manaj: 5.5 – Dal suo ingresso in campo si vede poco e non dà un evidente contributo alla squadra in zona gol, anche se nel finale subisce un fallo molto dubbio in area di rigore non ravvisato da Rocchi e dal suo addizonale)

Mancini: 6.5– Rimane un mistero cosa sia successo domenica scorsa contro la Fiorentina. Sta di fatto che oggi si sono riviste la personalità, la voglia di imporre il gioco e soprattutto la difesa a 4. Rischiosa la scelta di schierare cinque attaccanti nel finale, ma se si vuole vincere bisogna avere una mentalità vincente.

Sampdoria: Viviano (6.5); Pereira (7), Moisander (6), Zukanovic (5,5), Mesbah (5,5); Correa (5), Palombo (5,5), Fernando (6), Barreto (5,5), Soriano (6,5); Eder (6), Muriel (7), Cassano (s.v.); All.Zenga (6,5)

Francesco Sessa

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.