5 vittorie, 2 pareggi, 1 sconfitta, 8 gol fatti, 6 subiti e 2° posizione in classifica. Questo il bilancio di metà ottobre della squadra guidata da Roberto Mancini.

Un’Inter quasi completamente nuova e finalmente rinata, nonostante i miseri 2 punti nelle ultime 3 partite. Il tecnico sta plasmando la squadra a suo piacimento, dopo un’importante campagna acquisti e una ristrutturazione della rosa. Miglior difesa (ed è un dato importante perché in Italia si vince soprattutto se non si prende gol) ma quinto peggior attacco. La gara contro la Juventus ha sottolineato come certi giocatori siano sempre più fondamentali per i meccanismi di gioco e per questa nuova Inter. In particolare questo quintetto rappresenta l’elite dei giocatori del momento nerazzurri.

1) JOVETIC – Il montenegrino è dotato di quella classe e fantasia che all’Inter mancava da tempo. Imprevedibilità e dribbling fanno di lui un giocatore quasi inarrestabile. Nel big match contro la Juventus ha fatto finire diversi giocatori bianconeri sul taccuino del direttore di gara ed è stato decisamente il più pericoloso. Devastante nell’1 contro 1, bisogna solo sperare che il fisico tenga.

Gary Medel, uno dei giocatori del momento ottava giornata di Serie A
Il “Pitbull” Gary Medel in azione

2) MEDEL – Difesa o centrocampo non importa, il Pitbull si merita a pieni voti il suo soprannome. Grinta e corsa fuori dal comune, lotta su tutti i palloni e in qualsiasi posizione mordendo le gambe agli avversari. Già l’anno scorso aveva mostrato tante belle qualità ma, come tutta l’Inter, non era costante. Mancini non lo ha ancora fatto riposare. Un motivo ci sarà.

APPROFONDIMENTI  Inter, bentornata pazza: la Cina prepara la revolution

3/4) MIRANDA/MURILLO – La nuova coppia di centrali dell’Inter piace e sta dimostrando di poter fare davvero bene. Nonostante qualche piccola amnesia del colombiano e il blackout del brasiliano contro la Fiorentina (come tutto il resto della squadra d’altronde), l’Inter, al pari dei viola, è la squadra che ha subito meno reti (escludendo i 4 gol presi dalla squadra di Sousa, sono solo 2 le occasioni in cui Handanovic è stato superato). Se aggiungiamo Medel ai due centrali come collega di reparto occasionale, ecco spiegato il dato.

Mauro Icardi, uno dei peggiori giocatori del momento ottava giornata di Serie A
Mauro Icardi, il fantasma dell’Inter

5) ICARDI – Più che il fantasma con la maglia nerazzurra numero 9, i tifosi aspettano ancora il vero Maurito, il capocannoniere uscente di serie A. La sua “assenza” è tanto fondamentale quanto la sua presenza: all’Inter mancano (e parecchio) i suoi gol. Va migliorata l’intesa coi compagni d’attacco, Jovetic in particolare, ma le 2 reti finora realizzate sono ancora troppo poche per un giocatore come lui. Torna presto Maurito.

Federico Gianquintieri

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.