José Mourinho intervistato dal sito della Uefa, ripercorre i suoi successi e non nasconde il suo particolare legame con l’Inter. Queste le sue parole: “I tifosi dell’Inter sono speciali. Il presidente è più che speciale. Era una vera famiglia e in quella stagione abbiamo vinto tutto“.

Il tecnico portoghese continua ricordando la finale di Champions League: “Quella  contro il Bayern era la partita della vita per molti miei giocatori. Era l’ultima possibilità per Zanetti, Materazzi, Cordoba, Chivu e Maicon. E così abbiamo giocato quella finale con questa mentalità. Non stavamo giocando in 11, ma eravamo in migliaia perché l’Inter aspettava da tantissimi anni quest’occasione. Eravamo tutti molto sicuri ed è stato il modo migliore per lasciare la squadra. L’Inter è un club che amo molto“.

Lo Special One prosegue la sua intervista ricordando il suo primo successo nel 2004 con il Porto, mettendo in evidenza come dopo la vittoria della coppa tanti  giocatori lasciarono la squadra. Anche lui abbandonò per approdare al Chelsea nella sua prima esperienza londinese.

José Mourinho, l'allenatore del triplete nerazzurro
José Mourinho

Ricordando i tre anni passati sulla panchina del Real Madrid, traspare dalle parole di Mourinho tanto rammarico per non aver centrato l’obiettivo Champions: “E’ stata una delusione enorme, ma quando il Real Madrid ha vinto nel 2014, è stato il giusto riconoscimento per l’intero club. L’hanno meritato ed ero davvero felice“.

APPROFONDIMENTI  La delicata situazione finanziaria dell'Inter secondo Marco Bellinazzo

Chiude rispondendo sulla possibilità di essere il primo allenatore a vincere la Champions con tre squadre diverse: “Non è questo il mio obiettivo. L’obiettivo è di vincere la terza, non il mio record personale. Se qualcuno ci riuscirà prima di me, o se qualcuno vincerà con quattro o cinque squadre, non mi interessa. Io voglio vincerla con la mia squadra“.

Quanti ricordi per i tifosi interisti ritornano alla mente con mister Mourinho, tante battaglie tante vittorie. Soprattutto il triplete, che rimarrà indelebilmente nei cuori di tutto il popolo interista assieme al Presidente Moratti e a quello dello Special One.

Stefano Barchi

 

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.