Nell’eventuale ipotesi di non poter far fronte all’acquisto di un mediano di livello richiesto da Mancini, l’Inter continua a guardarsi intorno sfruttando l’idea di prendere un giocatore low cost, che di questi tempi non passa mai di moda. Se in casa nerazzurra l’obiettivo principale è quello di provare a prendere un giocatore come Mario Suarez dall’Atletico Madrid, il piano B, qualora la cosa non andasse in porto, si chiama Felipe Melo. Chi preferire?

ETA’ – Se dovessimo basarci esclusivamente sull’età i ventotto anni di Suarez la spunterebbero di gran lunga nei confronti del trentaduenne Melo. I margini di crescita e il livello di rendimento vedrebbero favorito lo spagnolo che avrebbe davanti almeno altri quattro anni a grandi livelli a discapito del brasiliano. Ma ultimamente nel calcio l’età non è più un fattore così determinante (vedi Luca Toni).

TECNICA E CARATTERE – La vita del mediano, secondo Ligabue è quella di “..recuperar palloni, nato senza i piedi buoni e lavorare sui polmoni”. Felipe Melo, mediano vero, sembra incarnare perfettamente questo dicta, essendo il suo stile di gioco e il suo lavorare in campo incentrato esclusivamente sul recupero della palla a centrocampo, correndo e pressando, e con dei piedi non dotati di ottima precisione, a differenza dello spagnolo il quale, s’interpone molto bene sia sul piano difensivo che offensivo, con possibilità anche di poter impostare il gioco. Per il carattere l’irruenza del brasiliano, autore di molti gesti cattivi e al limite del lecito (come dimostrano anche i cartellini rossi rimediati in carriera) è sicuramente un fattore di svantaggio, rispetto alla irruenza più pacata di Suarez (che di cartellini rossi in carriera non ne ha mai rimediati). Con Felipe la squadra rischierebbe di rimanere in dieci spesso e volentieri.

APPROFONDIMENTI  Centrocampo Inter: 5 alternative a Felipe Melo

PREZZO – Nel parlare di investimento l’affare Melo, il cui valore di mercato si aggira intorno ai tre milioni, potrebbe rivelarsi utile, con la speranza che il giocatore possa compiere il proprio dovere disputando una buona stagione. Per Suarez, il cui valore attualmente si aggira intorno ai dieci milioni, l’affare potrebbe essere ottimo, date anche le potenzialità dello spagnolo. Il tutto dipenderà da quanto l’Inter vorrà sborsare.

ESPERIENZA – Suarez con l’Atletico Madrid ha vinto due volte l’Europa League, una volta la Liga, una Coppa Spagnola ed una Supercoppa Spagnola. Felipe Melo ha vinto per tre volte il Campionato turco, due Coppe di Turchia e due Supercoppe di Turchia. Vista l’esperienza anche a livello europeo, lo spagnolo Suarez potrebbe dare un maggior apporto data anche l’idea della società nerazzurra di tornare presto in Europa. Il brasiliano su questo punto è più debole ma Mancini, avendolo allenato lo conosce bene e saprà cosa fare.

L’ennesimo gran colpo di mercato per continuare a volare sulle ali dell’entusiasmo oppure accontentarsi di un affare low cost? Mario Suarez o Felipe Melo? Il tutto dipenderà dalle strategie che adotterà l’Inter e soprattutto quali saranno le richieste che il Mancio farà. Noi aspettiamo e proviamo a fidarci. La cosa più importante è che l’Inter torni ad essere grande e torni essere protagonista sia ambito nazionale che internazionale, con quel suo essere pazza, caratteristica che ce la fa amare ancora di più.

Mario Giuliante

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.