Nagatomo, D’Ambrosio, Dodò, Santon e il nuovo arrivato Montoya. Sono i terzini attualmente a disposizione di Roberto Mancini, ma tra di loro si aggira un condannato. La sentenza? Abbandonare il ritiro di Riscone di Brunico, per far posto a Ervin Zukanovic. Il 28enne bosniaco è al centro di un braccio di ferro tra Inter e Chievo Verona, con gli scaligeri tutt’altro che disposti a cederlo al prezzo desiderato da Ausilio. Il nome dell’ex Gent non è sicuramente uno di quelli che fanno infiammare i sogni dei tifosi, e la telenovela che si sta mettendo in piedi intorno a lui desta molta curiosità. L’insistenza con cui se ne parla, però, lascia intendere che il mister lo voglia a tutti i costi.

CHI SE NE VA? – Fargli posto, dicevamo. Detto che Montoya è appena arrivato, e che D’Ambrosio sembra intoccabile, la cerchia si restringe intorno a tre nomi. Dodò però non ha mercato, e quindi sarà uno tra Nagatomo e Santon ad abbandonare la truppa. Il giapponese ha richieste dalla Germania e piace alla Samp, mentre l’italiano potrebbe tornare in Premier League. Ma siamo sicuri che nello scambio l’Inter ci guadagnerebbe? Santon è più giovane, è appena tornato ed è un beniamino dei tifosi, molti dei quali lo vorrebbero addirittura come nuovo capitano. Yuto, dal canto suo, non è mai riuscito a risolvere i suoi problemi di continuità. Con Mazzarri era cresciuto molto, ma tra un infortunio e l’altro col Mancio non ha praticamente mai visto il campo.

APPROFONDIMENTI  Perisic non arriva? L'Inter ha pronti 5 piani B

MEGLIO ZUKANOVIC? – Sicuramente il balcanico ha un fisico più massiccio rispetto al Samurai nerazzurro, in linea con il credo tattico di Mancini, ma ha un grosso limite: a quasi 30 anni ha ancora zero presenze in una squadra di livello superiore al medio-basso. Si tratta insomma di una scommessa in piena regola, un azzardo che potrebbe costare caro alla dirigenza interista. La batteria di terzini sembra già a posto così, cambiare ancora le carte in rosa non avrebbe molto senso, considerando anche l’affetto dei tifosi per Naga e Santon.

Vale la pena lasciare la strada conosciuta (e tutto sommato amata) per quella nuova? 

Simone Viscardi

@simojack89

share on:

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.