Mancini schiaccia sull’acceleratore, nel mercato e in campo. L’insistenza su Salah, e gli allenamenti visti fino a qui a Riscone di Brunico, lasciano intendere un cambiamento netto nell’atteggiamento della squadra, almeno secondo i piani del mister. Basta ritmi blandi e stop al possesso palla sterile, a dir poco dannosi nell’ultima stagione. L’allenatore jesino vuole una squadra cattiva, veloce e poco prevedibile, l’esatto opposto della creatura avuta tra le mani fino a poche settimane fa.

L’EUROPA IN TESTA – Una mentalità europea, specialmente anglosassone, basata sulla ricerca di un’intensità costante durante la partita, senza aspettare exploit momentanei. In quest’ottica si lavora anche al cambio di modulo. Il 4-3-3 è un’arma a doppio taglio nel campionato italiano, ma se allestito con gli uomini giusti può diventare devastante. Vero, conto i Kickers di Stoccarda si è visto ancora il rombo, ma la prima uscita stagionale vale poco dal punto di vista tattico. La conferma di Kovacic sembra anch’essa rientrare nel grande piano-velocità di Mancini. Dopo essere stato a un passo dal Liverpool, il croato deve aver messo tutto se stesso per convincere il tecnico, con ottimi risultati stando alle dichiarazioni di incedibilità ascoltate qualche ora fa. Davanti alla difesa potrà garantire un cambio di ritmo della manovra, una cosa onestamente impossibile da chiedere a Medel.

E SALAH CHE FA? – Tutto costruito aspettando gli ultimi botti di mercato. Perisic è vicino, mentre si attende ancora prima di chiudere definitivamente con Stevan Jovetic. Il perchè è presto detto, Mancini non si è ancora arreso sul fronte Salah. L’egiziano dovrebbe presentarsi oggi a Firenze per le visite mediche. Se ci sarà, vorrà dire che i Della Valle avranno vinto il braccio di ferro, altrimenti sarà il giocatore – col benestare del Chelsea – a decidere il proprio futuro. Il Mancio attende di avere il tassello mancante del suo puzzle tattico, e spera che tutto si risolva per il meglio.

APPROFONDIMENTI  Verso Inter-Bayern Monaco. Mancini: "Cercheremo di giocare una buona partita"

In fretta, ovviamente.

Simone Viscardi

@simojack89

share on:

Leave a Response