La situazione Salah si fa sempre più intricata: Mourinho l’ha snobbato, la Fiorentina è adirata, l’Inter non ha più tempo per aspettare ed è stata diffidata dalla società viola, infine anche Roma e Atletico Madrid hanno bussato alla porta dell’egiziano. Il tormentone di questa sessione estiva di calciomercato sembrerebbe quindi destinato a durare ancora. E non poco. Mancini però non ha più pazienza: servono rinforzi e servono subito, per plasmare la squadra già a inizio preparazione. Onestamente l’egiziano non farebbe male a questa Inter, sia per le qualità dimostrate, sia per i ruoli che può ricoprire. Vale la pena, tuttavia, concentrarsi solo sull’obiettivo Salah, trascurando altre valide alternative e rischiando di investire troppo su un giocatore che, in fondo, non è ancora un garanzia? Vediamo 5 motivi per lasciar perdere l’egiziano.

INAFFIDABILITÀ. Salah si è comportato decisamente male con la società viola, un club in cui è rinato, che gli ha dato fiducia e in cui ha aumentato il suo valore. È vero, lui vuole fortemente l’Inter (a quanto pare), ma questo amore iniziale potrebbe finire in qualsiasi momento e il giocatore, già recidivo, potrebbe creare le stesse difficoltà che ha creato alla Fiorentina anche al suo futuro club. Occhio alle banderuole.

ALTERNATIVE. Impuntarsi troppo su un giocatore rischia di farsi scappare altre valide alternative. Jovetic ad esempio è un ottimo giocatore che potrebbe valere quanto l’egiziano (infortuni permettendo) e l’affare Salah potrebbe rivelarsi una distrazione nell’operazione Perisic. Bisogna stare quindi attenti a non sprecare troppo tempo e guardarsi intorno.

APPROFONDIMENTI  Bernardeschi, 5 ragioni per acquistare l'attaccante della Fiorentina

CONCORRENZA. Roma e Atletico si sono intromesse nell’affare. Salah non rientra nei piani di Mourinho e il Chelsea, giustamente, può approfittare dell’interesse di diverse squadre per monetizzare il più possibile. Se il prezzo dell’egiziano dovesse salire ulteriormente, aggiudicarselo non rappresenterebbe la certezza di aver fatto un affare.

IL CHELSEA NON LO VUOLE. Stesso discorso fatto già per Shaqiri: se un top club lo lascia andare tranquillamente dopo aver investito 15 milioni, sarà davvero valido come giocatore?

DIFFIDA. C’è poi da considerare la difficile situazione con la Fiorentina: il club toscano ha inviato una lettera di diffida all’Inter perché la società milanese ha preso contatti con un giocatore già tesserato. Secondo il regolamento, infatti, se una società si interessasse a un giocatore già sotto contratto con un altro club, deve prima informare la squadra che ne detiene il cartellino. Per questo motivo, qualora l’egiziano dovesse aggregarsi ai ragazzi di Mancini, l’Inter rischierebbe una sanzione.

Federico Gianquintieri

share on:

Leave a Response